Le regole del gioco Come, quanto e quando usarle.

Giochi di ruolo e regole

Ogni gioco di ruolo si basa su una serie di regole che servono a definirne il funzionamento.

Le regole servono a descrivere la realtà dell’ambientazione in cui si gioca (dalla fisica alle relazioni sociali alla magia) e a come gestire e risolvere le situazioni che si vengono a creare in gioco.

Esistono giochi con regolamenti estremamente dettagliati e definiti e altri con dei regolamenti appena accennati. Il numero o la complessità delle regole non determina in nessun modo la bellezza di un gioco, visto che è una cosa completamente soggettiva, ma ne decide il funzionamento.

GDRPG lawful_neutral_picard

Il regolamento della Flotta Astrale dice che …

Quello che vale la pena ricordare è che lo scopo di un gioco di ruolo è divertirsi e che le regole, poche o tante che siano, devono servire a quello.

Esistono tipi diversi di giocatori e di modi diversi di divertirsi, quindi non è sempre facile per un narratore decidere come comportarsi. Molto spesso la soluzione più facile è pensare che i giocatori “giocheranno come piace giocare a me” ma purtroppo questo sistema presenta concreti rischi che il resto del gruppo non si diverta e soprattutto fa dimenticare che esistono altri modi di giocare, diversi dal proprio, altrettanto divertenti o anche meglio.

Adattare il proprio stile di gioco al proprio gruppo e al gioco stesso è sempre la soluzione migliore, anche se spesso è difficile.

Quindi vediamo un po’ di riflessioni sparse sulle regole e sul loro uso. Combinandole c’è il modo di far divertire qualunque gruppo. Se capite come si fa scrivetemi.

 

Quando usare le regole …

Per moltissimi giocatori è rassicurante sapere che le regole del gioco vengono applicate interamente ed esattamente dal narratore, sia per i personaggi che per le situazioni di gioco.

Questa informazione genera sicurezza sul fatto che le azioni del personaggio e le decisioni del giocatore verranno valutate dal narratore in maniera prevedibile “secondo le regole”.
Molto spesso i giocatori hanno il sospetto che il narratore agisca in maniera arbitraria “ai loro danni” quindi sapere che le regole verranno usate li tranquillizza.

GDRPG Paranoia_25th_Anniversary_Troubleshooters_Edition

Ho in mente il gioco che fa per te

Queste cose sono molto importanti quando ci si trova a interagire con un nuovo gruppo o quantomeno con un nuovo giocatore. Generare fiducia aiuta a migliorare l’esperienza di gioco.

Quindi dire chiaramente e in anticipo se si useranno le regole del gioco in toto oppure no è una buona strategia comunicativa.

Vale anche la pena ricordare che la maggior parte dei giochi hanno dei regolamenti pensati per essere bilanciati nel complesso e non in ogni singolo particolare quindi anche se una situazione sembra irrealistica magari viene bilanciata nel corso di una sessione o di una avventura in altri modi da altre regole.

Testare bene un gioco prima di introdurre cambiamenti serve sia a capire le strategie messe in atto dagli autori sia a imparare cose nuove.

Credo quindi che di norma convenga applicare le regole del gioco per come sono state pensate dagli autori.

Il punto debole dell’applicazione letterale delle regole sono quasi sempre i power players, ovvero quei giocatori che si dedicano a trovare falle o particolari combinazioni di situazioni e poteri che pur restando nelle regole ne stravolgono lo spirito e il bilanciamento.
Questi giocatori rendendo difficile al narratore gestire una partita e metteno in secondo piano l’atmosfera per “le regole”.

GDRPG Super munchkin

Io rispetto sempre le regole

Ci sono poi obiettivamente dei giochi con una bella ambientazione ma delle regole orribili.

 

.. quando e come modificarle …

Alzi la mano chi non ha mai inserito regole nuove o modificato quelle esistenti in un GDR (tanto non vi vedo quindi fingiamo che nessuno lo abbia fatto).

Cambiare le regole cambia gli equilibri del gioco e del gruppo. Tutti abbiamo la regola preferita che secondo noi rende più bello e apprezzabile qualunque gioco e che tendiamo a volere usare in qualunque circostanza. Probabilmente abbiamo ragione, migliora il gioco, ma migliora anche l’esperienza dei giocatori?

Personalizzare un gioco lo rende più incerto per i giocatori, complica il passaggio tra gruppi diversi e rischia di sbilanciare il gioco.

D’altro canto può migliorarne molto le meccaniche, il realismo e il divertimento.

Quindi se si vuole inserire o modificare delle regole consiglio di:

  • dirlo prima ai giocatori
  • coinvolgerli chiedendo il loro parere prima e dopo le partite
  • verificare se i cambiamenti inseriti migliorano effettivamente l’esperienza di gioco

In pratica se non serve, non farlo.

 

… e quando non usarle.

Le regole servono per permettere ai giocatori di divertirsi. Se intralciano il divertimento ignoratele, anche solo per una volta.

Questo non significa darla sempre vinta ai personaggi, pratica che può diventare dannosa, ma ci sono occasioni in cui fallire un tiro per un giocatore o riuscirci per il narratore significa far fallire un’avventura o perdere un personaggio in maniera non interessante e significativa.

GDRPG dado 20 facce

Sei seriamente ferito e l’ultimo orchetto ti attacca … mancato.

Non deve diventare un’abitudine ma quando serve non esitare.

Conclusioni

Le regole servono a far divertire i giocatori e il narratore. Usiamole quando servono e ignoriamole quando non sono utili.

In fondo si chiamano Giochi di Ruolo e non Giochi di Regole.

Tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*