Twilight 2000

Twilight 2000 – La terza guerra mondiale che non ci fu

Twilight 2000: 2nd edition cover

La copertina della seconda edizione di Twilight 2000

Twilight 2000 è un gioco di ruolo del 1984 della GDW (Game Designers’ Workshop) sulle conseguenze di una ipotetica terza guerra mondiale tra Nato e Patto di Varsavia sul finire del ventesimo secolo

Nel gioco i personaggi sono dei sopravvissuti in una Polonia semidistrutta dalle bombe nucleari tattiche usate dagli eserciti nei tre anni precedenti, spesso ex militari di vari eserciti ma anche civili, che devono trovare le risorse per sopravvivere, combattere con altri gruppi di sbandati se non proprio quello che rimane dell’esercito nemico, trovare il modo di tornare a casa (ammesso che esista ancora) o conquestare un luogo sicuro in cui stabilirsi.

Il background è molto curato e interessante, così come lo sono gli equipaggiamenti che i giocatori possono avere o recuperare.

E ora Twilight 2000 è su kickstater

Ne parlo perché il gioco è in rifacimento in una nuova edizione su kickstarter (solo in inglese purtroppo), ambientata in un ipotetico anno 2000 in cui l’Unione Sovietica non si è mai dissolta, proprio in questi giorni (dovrebbe finire il 3 settembre 2020).

Twilight 2000: la copertina del kickstater

Curato dalla Fria Ligan svedese, la stessa di Symbaroum, Alien, Forbidden Land e Tales from the Loop si presenta come un prodotto molto interessante.

Le regole di base saranno impostate sullo Year Zero Engine, il motore di gioco utilizzato per Alien e Forbidden Land e marchio di fabbrica di Fria Ligan, ma adeguatamente modificato, per adattarsi a Twilight: 2000 e la sua attenzione posta sugli equipaggiamenti e il suo crudo realismo.

Twilight 2000 su Kickstarer. Contenuto della confezione.

Il contenuto del kickstater

Nella scatola base ci sarà ancora l’ambientazione polacca ma anche una alternativa in Svezia.

Se ti interessa, sei ancora in tempo e usi kickstarter puoi vedere il gioco a questo link.

 

Lex Arcana Quickstarter

Lex Arcana Quickstarter

Come spero tu abbia sentito il 18 settembre 2018 inizierà il kickstarter della nuova edizione di Lex Arcana, il grandissimo gioco di ruolo sull’antica Roma scritto da Leo Colovini, Dario De Toffoli, Marco Maggi e Francesco Nepitello nel 1993!

In preparazione del Kickstarter l’ottima Quality Games, che produrrà il gioco, ha pubblicato una versione semplificata delle nuove regole, al momento solo in inglese, contenente anche dei personaggi pregenerati e un’avventura. La puoi scaricare a questo indirizzo iscrivendovi alla loro mailing list. Trovi molto materiale anche sulla pagina Facebook del gioco. Trovi un’avventura pronta per essere giocata a questo link.

Lex Arcana Quickstarter copertina

Copertina del quickstareter di Lex Arcana

E senza prolungare ancora la tua angosciosa attesa ecco la mia recensione.

Grafica

La prima cosa che mi ha colpito positivamente leggendo il quickstarter è stata la grafica, molto bella, curata e chiara. Bellissime illustrazioni, alcune generate per l’avventura introduttiva, molto facili da leggere i testi e ben separate le regole dalle note sull’ambientazione.

Insomma un gran bel lavoro, molto curato e professionale. Così come lo è il testo in inglese.

Lex Arcana Quickstarter pagina

Ricca di informazioni e chiara da leggere

Ambientazione

Lex Arcana immagina una ambientazione dell’antica Roma storica simile alla nostra ma dove sono realmente presenti gli Dei e dove la magia funziona. In questa realtà parallela l’impero non si è diviso in due ed è sopravvissuto ai barbari anche grazie alla magia e nel XIII secolo dalla sua fondazione (il nostro V secolo) sia ancora vitale e sicuro per i suoi abitanti.

I personaggi fanno parte di una speciale coorte pretoriana (Cohors Ausiliaria Arcana)che ha l’incarico di indagare su quanto di misterioso accade nell’impero (o anche oltre i suoi confini) e di difenderlo da ogni minaccia mondana o sovrannaturale.

 

Regolamento

Sostanzialmente è rimasto lo stesso del gioco originale anche se sono annunciati sviluppi per la nuova versione. Ogni personaggio ha una serie di 6 attributi fisici/mentali (virtues) da cui derivano le sue 6 capacità (peritiae) nel combattimento, nella magia, nelle conoscenze naturalistiche o scientifiche o nelle capacità fisiche e relazionali.

Esistono 5 possibili tipologie di personaggio (Combattente, esploratore, sapiente, augure e diplomatico) che nel quickstarter sono pregenerati. Ogni professione è legata a un nume divino (Marte, Diana, Minerva, Apollo e Mercurio) e ogni personaggio ha una provincia di provenienza.

Per risolvere le situazioni dubbie il Demiurgo (narratore) fissa una difficoltà e chiede al giocatore di tirare il suo valore nella Peritia (oppure Virtus) più adatta. Il giocatore decide come combinare i dadi disponibili (20, 12, 10, 8, 6, 5, 4 e 3), li lancia, somma e se è riuscito a raggiungere o superare la difficoltà ha avuto successo. Meglio riesce il tiro, meglio riesce l’azione.

Una torre lancia dadi di epoca romana

Una torre lancia dadi di epoca romana. Il testo significa “I Piti sono sconfitti, il nemico è distrutto, gioca sicuro”.

Nel caso di confronti o scontri tra personaggi o creature (combattimento) entrambi tirano il valore e chi ha il risultato più alto vince, la differenza indica di quanto.

Esempio

un personaggio trova una porta chiusa e la vuole sfondare a spallate. Il Demiurgo gli dice di usare la sua Peritia De Corpore (fisica) a difficoltà 6. Il giocatore ha un valore di 13. Può quindi lanciare 1 dado 10 facce + un dado a 3 facce, oppure due dadi a 5 facce e uno a 3 facce oppure un dado a 8 facce e uno a 5 facce, basta che il valore massimo coincida con la sua Peritia.

In pratica più dadi ottengono più spesso un valore medio rispetto a pochi dadi (quindi aumentano le possibilità di avere successo a difficoltà medie o basse) ma più difficilmente fanno il massimo dei risultati possibili (quindi riusciranno contro difficoltà alte).

Il giocatore deve scegliere di volta in volta se puntare al successo ma di misura oppure rischiare tirando pochi dadi (o uno solo, se possibile) e sperare in un colpo di fortuna. Infatti se il tiro di dado ha come risultato il massimo possibile si ritirano i dadi e si sommano i risultati dei lanci.

Il combattimento è molto efficace. I due avversari tirano il dado di combattimento (che comprende forza, addestramento e abilità personale), il più alto colpisce l’avversario e il margine di successo indica i dadi di danno che dipendono dall’arma. L’armatura (se presente) riduce i danni.
Uno dei miei sistemi preferiti, mi ricorda quello di Pendragon (che adoro) ma il sistema dei danni è migliore poichè dipende dal margine di successo.

La magia è solo divinatoria e prevede una serie di rituali per conoscere qualche elemento del passato, presente o futuro.

Viene introdotta una nuova regola sulla fatica, che può lentamente abbattere un personaggio anche senza ferite fisiche e viene data qualche anticipazioni sugli sviluppi, tipo il combattimento a mani nude.

 

Avventura

Il quickstarter comprenden un’avventura ambientata in Gallia, ben ideata e strutturata, che comprende praticamente tutte le possibili situazioni (combattimento, diplomazia, investigazione) e che si può completare in 2 o 3 sessioni di gioco.

Molto ricca di mappe, disegni dedicati e spiegazioni per il Demiurgo non solo sull’avventura ma anche sull’ambientazione.

 

Sviluppi

Visto che il regolamento e l’ambientazione di lex Arcana funzionano già bene spero che la nuova edizione del gioco amplifichi le possibilità, ovvero aggiunga nuova classi di personaggi oppure la possibilità di crearsene di proprie.
Sviluppi la parte magica, inserendo diverse tipologie derivanti dalle diverse culture e soprattutto considerando che in questo mondo funziona realmente. Magari potrebbe essere possibile uscire dalla coorte arcana ed esplorare il mondo come mercanti, mercenari o diplomatici.

Lex Arcana kickstarter

Un poca di pubblicità. Ricordatevene!

Sarebbe bello se ci fosse anche una descrizione del resto del mondo, magari in qualche supplemento, visto che emergono sempre più prove dei contatti regolari tra tutte le civiltà del periodo, Cina compresa.

Credo servirebbe qualche regola per gli scontri di massa, visto che storicamente le truppe speciali venivano sempre usate come truppe normali da qualche genio militare.

E cercate di sviluppare come si deve la zona di Aquileia, sesta città dell’impero e crocevia politicio e commerciale! Dannati veneziani.

Insomma vediamo di passare da bellissimo a stupendo, che ci vuole?