Le tipologie delle storie

Gli archetipi delle storie

Tutti abbiamo sentito raccontare le storie classiche, le favole dei fratelli Grimm o di Esopo, le storie di Omero o di Shakespeare. Oppure ricordiamo le trame dei film che abbiamo visto al cinema o alla televisione.

E’ però interessante notare che tutte queste storie, che ci raccontiamo l’un l’altro dall’alba dei tempi, si possono riassumere in  7 archetipi.

Se l’argomento ti dovesse interessare puoi leggere questo libro di Christopher Booker (grazie Andrea per la segnalazione)

 

Vincere il mostro

C’è un cattivo che deve essere sconfitto alla conclusione di una serie di avventure. Le fasi sono sempre scoprire che esiste, scoprire chi è, trovarlo e batterlo. Quasi sempre si tratta di una vittoria del bene sul male (ovviamente la propria definizione di “bene” e “male”).
Normalmente il buono della storia parte svantaggiato, sfigato e nei casi peggiori di primo livello ma nonostante tutto alla fine trionfa.

Strahd von Zarovich

Perchè non luccico?

A volte il cattivo è intelligente e preparato, altre volte è stupido e incompetente (e ti domandi come abbia fatto a uscire vivo dall’asilo) ma alla fine perde sempre. Mai uno che abbia letto la Evil Overlord List.

 

Ascesa al successo

Non importa che tu sia un povero terzogenito che eredita un gatto parlante, un bastardo che scopre essere figlio dell’imperatore precedente  o un contadino su un pianeta sperduto in una galassia lontana lontana.
In queste storie si parte poverelli, meschini e tapini (tipo un primo livello, forse l’ho già detto) e si arriva a dominare il regno, un pianeta o una galassia.

Conan il barbaro

Conan l’arrampicatore sociale

Inserire profezie a piacere, voglie sulla pelle o poteri straordinari, mescolare (non agitare) e la storia è servita.
PS: non dimenticate i compagni buffi

 

La ricerca

Bisogna trovare qualcosa di perduto, scomparso, dimenticato e difficile da raggiungere. Può essere un oggetto, un luogo o una persona. Un gruppo di improbabili eroi (di infimo livello, tipo il primo) finisce casualmente per intraprendere detta ricerca. E ci sono degli ostacoli! E dei nemici. E un anello per ghermirli e nel buio incatenarli.

Indiana Jones e il Graal

Indiana Graal

Ma alla fine di mille peripezie i nostri eroi arrivano a raggiungere l’obiettivo della loro ricerca, normalmente all’ultimo minuto possibile, che si rivela sempre essere proprio quello che gli serviva per risolvere i loro problemi.

 

Viaggio e ritorno

Una storia apparentemente banale che si trasforma in un lungo viaggio di esplorazione, una vera e propria odissea (ammicco ammicco) che porta i protagonisti a conoscere luoghi bellissimi o terribili, a  capire meglio se stessi,  a una lenta crescita emotiva e spirituale (e di livello) che si conclude con il sospirato ritorno a casa dove puoi bere the, mangiare una torta e bullarti con gli amici rimasti a casa del tuo tesoro sottratto a un drago.

Drago con tesoro

Quel tesoro del drago

Non esistono in queste storie immigrazione illegale, violazione di domicilio, appropriazione indebita e omicidio premeditato, tutto è dovuto agli eroi e tutto si giustifica e si perdona.

 

Rinascita

Ti sei ritirato deluso dalla vita su un pianeta desertico?  Eri un eroe buono buonino ma sei decaduto fino a diventare un cattivo asmatico? Sei un contrabbandiere cinico e disilluso con il migliore amico affetto da esuberanza tricologica?

Succede qualcosa di catastrofico oppure arriva qualcuno in cerca di aiuto (generalmente di basso livello) e questo ti porterà in una serie di disgrazie a catena che ti costringeranno a mettere in discussione te stesso, la tua filosofia di vita, le tue scelte e a intraprendere una travagliata esperienza  che ti porterà a rinnovarti, a cambiare i tuoi punti di vista (e il tuo piano telefonico) e diventare una persona migliore.

Darth Vader

Odio la sabbia

Se sei il protagonista potresti anche sopravvivere, altrimenti ti sacrifichi per il bene degli altri. Ma farsi i ca//i propri in pace mai, vero?

 

Tragedia

Dai Greci a Shakespeare  la tragedia non passa mai di moda. Da Romeo e Giulietta alla nazionale di calcio la storia parte male e dopo una lunga serie di aventi sfortunati finisce peggio. Che tu sia il cattivo che si redime (e muore), il buono che cerca vendetta per la sua famiglia (e muore) o l’eroe incompreso ma coraggioso fino alla fine (indovina) la morte in zona obiettivo è assicurata.

D&D quarta edizione

D&D quarta edizione

A volte appena prima di raggiungere l’obiettivo, più spesso subito dopo avere trionfato (ed essere passati di livello), si schiatta alla grande.

 

Commedia

Una tragedia dove non muore nessuno. Con colossali equivoci, brutte figure a raffica, doppi sensi involontari.
Ma essendo i protagonisti persone simpatiche, spiritose e allegre (un basso quoziente intellettivo e di livello aiuta) il finale felice e gioioso è assicurato, insieme a tante risate. Queste sono le storie più difficili da scrivere senza scadere nel volgare o nel ridicolo.

Iron Man 3

Iron Man 3mendo

Le storie sono rilassate e rilassanti e devono trovare uno spunto comprensibile e divertente per tutti.

Conclusione

Provate a pensare al vostro film preferito e contate quanti di questi archetipi sono stati usati.

Fatto? Ne contiene almeno tre?  Probabile.

Quando si scrive una avventura è buona norma ricordarsi di questi archetipi e inserirne almeno un paio, per il semplice fatto che sono qualcosa che tutti conosciamo (archetipi per l’appunto) e che se ritrovati nella storia che stiamo giocando la rendono istintivamente credibile.

Tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*